sabato 19 giugno 2010

Locanda dell'Olmo - Bosco Marengo





ATTENZIONE!
Troverete i nostri reportage in forma più completa e godibile in
Convivium
(con i capitoli "Profilo dello Chef", "Mappa e percorso", "La carta", "Cucina all'opera", "Informazioni utili" e con una veste grafica più ricca e accattivante).
Vi invitiamo a proseguire li nella vostra lettura.


Piazza Mercato, 7
Bosco Marengo (AL)
Tel. 0131 299186

Data Reportage: 19-6-10
Tipologia del Locale: Trattoria di cucina regionale
In cucina: Gianni Bondi

Descrizione.

La Locanda dell'Olmo ha sede nel piccolo borgo di Bosco Marengo, sulla piazza centrale del mercato, recentemente abbellita da una fontana.







Varcata la soglia d'ingresso, ci si trova in un primo ambiente con il bancone del bar e un tavolino con qualche bottiglia in bella mostra.





Appena oltre, separata da una porta scorrevole con vetri all'inglese, c'è la sala principale, a cui fanno seguito una saletta più raccolta e la cucina.









L'ambiente è rustico, lindo e gradevole, con pavimenti in piastrelline tipo cotto, tavoli perlopiù quadrati e sedie tradizionali in legno con la seduta impagliata.
L'illuminazione è realizzata con appliques; in un angolo al fondo della sala, spicca una madia in arte povera; un altro angolo è adibito ad esposizione dei vini dell'Azienda di famiglia, accanto alla raccolta di guide gastronomiche.





I tavoli sono ben apparecchiati, con posate Sambonet e calici Riedel.





Oltre al pane a fette vengono serviti i pigini, nome di fantasia per crackers casalinghi realizzati con una pasta simile -ma più spessa- a quella delle "lingue di suocera", senza lievito.
Il servizio è famigliare e informale, con Andrea Bondi in sala e il fratello Gianni ai fornelli.
La cucina segue le stagioni ed il mercato, con pochi piatti rigorosamente della tradizione.

La carta


Locanda dell'Olmo
Menù alla carta


Battuto di fassone all'albese
Rollata di peperone all'aceto balsamico
Frittini di fiori di zucchina

Gnocchi con zafferano e tartufo nero
Tagliolini ai totanetti e pachino
Corzetti al pesto di Pra'

Frittura di acciughe liguri
Stoccafisso con pomodorini e taggiasche
Girello di vitello al sale
Cima e mostarda di fichi
Salamini di mandrogne al Gavi
Selezione di formaggi

Pesche al Moscato
Sformato di cacao e mele al Calvados
Bunet
Creme Caramel

Prezzi menù alla carta

Antipasti   € 8,00
Assaggio   € 15,00
Primi piatti   € 8,00/11,00
Secondi piatti   € 11,00/15,00
Dolci   € 8,00

Colazione di lavoro (solo feriali a pranzo)
2 piatti + 1 calice di vino   € 22,00

Menù degustazione turistico   € 25,00

Menù degustazione completo
1 antipasto misto + 1 primo + 1 secondo piatto + 1 dolce   € 33,00

Menù degustazione completo   € 33,00

Assaggio di antipasti
Un primo a scelta
Un secondo a scelta
Un dolce a scelta

Vini al calice   Euro 3,00

Spumante Brut - Cravanzola
Gavi DOCG - La Giustiniana
Monferrato bianco - Noceto Michelotti
Barbera del Monferrato "Banaiotta" - Bondi
Dolcetto d'Ovada "Nani" - Bondi
Monferrato rosso "Le Guie" - Bondi
Monferrato rosso "Fandamat" (P.N.) - Casalone
Barbera d'Alba "Valbianchera" - Almondo

Il nostro pasto

Antipasti



Ci accompagnerà a tutto pasto la Barbera del Monferrato Banaiotta 2007, imbottigliata all'origine dall'Azienda Agricola Bondi (l'azienda di famiglia di Andrea Bondi), ad Ovada (AL).
Prodotta in maniera tradizionale, presenta evidenti note di frutti rossi, e ha gusto morbido e armonico.









Il tris di antipasti ci ha permesso di assaggiare tutti quelli in carta: ben presentati in un vassoio in vetro a scomparti, abbiamo avuto il battuto di fassone all'albese, la rollata di peperone all'aceto balsamico ed i frittini di fiori di zucchina.
Tre ottime cose della tradizione, di assoluta freschezza.

Primi piatti





Gnocchi con zafferano e tartufo nero. Un primo delicato ed elegante, "rinvigorito" dall'uso del tartufo.







Deliziosi corzetti al pesto di Pra'.
Piatto tradizionalissimo, la cui pasta viene preparata utilizzando stampini in legno di ulivo, che decorano la superficie in modo da "prepararla" ad accogliere meglio il condimento.
Ciascuno stampino è composto da due parti: una che ha la funzione di “timbro” e l’altra di forma cilindrica con una parte incisa e concava, che serve per tagliare, con una molla interna la cui funzione è di "dare il colpo" per non fare rimanere attaccata la pasta.

Secondi piatti





Stoccafisso con pomodorini e olive taggiasche: consistente ma non stopposo, con un gusto "rotondo" grazie ai pomodorini dolcissimi, è una pietanza da non lasciarsi sfuggire.





Cima con la mostarda di fichi, caratterizzata da una carne tenerissima e da un ripieno ricco e sostanzioso.

Dessert





Goloso sformatino di cacao su letto di mele, pinoli, uvetta e Calvados.





Coppa agli amaretti di Gavi.



Il caffè finale.

Commenti

A chi ci abbia seguito fin qui, crediamo di avere fornito elementi sufficienti per formarsi una propria opinione autonoma.
A chi desideri conoscere anche la nostra, accompagnata da altre informazioni quali la mappa satellitare interattiva con i percorsi, i giorni di chiusura, l'indirizzo del sito web e della posta elettronica, oltre che dalle nostre consuete foto-ricordo assieme allo chef, al patron e al personale di sala, rivolgiamo l'invito ad una lettura integrale di questo stesso articolo sul nostro sito Convivium, con l'avvertenza che anche li, per procedere oltre il medesimo sbarramento, gli occorrerà registrarsi.
La registrazione in Convivium è semplice, veloce, sicura, gratuita e assolutamente rispettosa della vostra privacy.
Qui sul blog -luogo interattivo per definizione- lasciamo invece spazio a voi e ai vostri commenti.



Fai tu il Critico sul Blog!

I Post civili e propositivi sono graditi.
Raccomandiamo educazione: i commenti sono sottoposti a regole e vengono moderati, prendi visione della policy prima di postare.

PUBBLICA IL TUO POST:

Nessun commento: