venerdì 21 gennaio 2011

La Luna nel Pozzo - Neive





ATTENZIONE!
Troverete i nostri reportage in forma più completa e godibile in
Convivium
(con i capitoli "Profilo dello Chef", "Mappa e percorso", "La carta", "Cucina all'opera", "Informazioni utili" e con una veste grafica più ricca e accattivante).
Vi invitiamo a proseguire li nella vostra lettura.


Piazza Italia, 23
Neive (CN)
Tel. 0173 67098

Data Reportage: 21-1-11
Tipologia del Locale: Ristorante
Chef: Vera Lo Nardo

La Luna nel Pozzo è un piccolo ristorante situato nel piccolo borgo di Neive, a pochi chilometri da Alba.



Il locale venne aperto nel gennaio del '90 da Cesare e Vera Lo Nardo, lui ex medico e dirigente di una industria farmaceutica, lei ex biologa ed insegnante, entrambi appassionati della buona cucina e profondi conoscitori dell'enogastronomia grazie ad una assidua frequentazione di grandi tavole in Italia e all'estero, entrambi determinati a coronare il sogno di rimettersi in gioco nel campo della ristorazione.





L'unica sala, calda ed accogliente, con pochi coperti, ben si presta ad una conduzione famigliare e nel contempo altamente professionale, un connubio vincente in tempi di progressiva spersonalizzazione di molte attività.
L'arredamento è giocato sui toni del giallo in abbinamemto a cotto e legno, a creare una atmosfera piacevole e rilassante.





I tavoli sono ben apparecchiati con posaterie Broggi e stoviglie Villeroi & Boch.





I compiti dei due coniugi sono ben divisi: Vera conduce la cucina, in cui esprime la sua carica creativa con mano leggera ed elegante, grande rispetto della materia prima e soave genialità negli accostamenti.
Cesare segue la clientela in sala e si occupa con competenza ed intransigenza della ricerca di prodotti di migliore qualità per la cucina e per la cantina.
La completa carta dei vini comprende praticamente tutti i rossi piemontesi, alcuni bianchi ed una meditata scelta di Champagne e di Spumanti italiani, con una parte finale dedicata ai vini da dessert, ai distillati e ai superalcolici.

Il nostro pasto





Il pane fatto in casa: panini bianchi, pane di farina di grano duro con il sesamo tagliato a fette e lingue di suocera ai 7 cereali con salvia e rosmarino.
Tutti i giorni la cucina prepara quattro tipi di pane diverso, grazie a farine di varie qualità macinate a pietra.

Aperitivo e apribocca



Alta Langa doc Zero Metodo Classico Brut Millesimato 2004, imbottigliato all'origine dall'Azienda Agricola Cantina Maestra di Enrico Serafino, Canale (CN).
Il nome Zero deriva dall'abbreviazione di "dosaggio zero", che indica che questo Metodo Classico è privo di "liqueur d'expedition" in quanto, al termine della fermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale, il dosage è stato effettuato solo mediante aggiunta del vino originale.







Come apribocca, la zuppetta di ceci accompagnata dalla focaccina con le cipolle.

Antipasti





Cesare Lo Nardo decanta per noi il Barbaresco DOCG Rombone 2003, imbottigliato all'origine dall'Azienda Agricola Nada Fiorenzo di Bruno Nada, Treiso (CN).
Intenso e gradevole, floreale e balsamico, caldo e setoso: un grande Barbaresco, molto tipico, adatto a lunghi invecchiamenti, che ci accompagnerà a tutto pasto.







Cotechino in camicia con salsa di pere, rafano e aceto balsamico tradizionale.





Uovo cotto a bassa temperatura con salsa di foie gras e cipolle caramellate su crema di patate.

Primi piatti







Lasagna al nero di seppia con la crema di carciofi e gamberi.





Tortelli di gallina ruspante su crema di cardi con tartufo nero.

Secondi piatti





Quaglie disossate, farcite al foie gras con marmellata di mele cotogne e cipolle rosse di Tropea caramellate.





Classico lombetto di agnello appena scottato su crema di piselli con tortino di verdure fresche.

Dessert





Delizia al limone, ricetta campana, con gelato alla vaniglia.





Tortino caldo di mele con gelato al vin brulé.



La piccola pasticceria per accompagnare il caffè: tartelletta alle noci, classica pasta di meliga, il salame dolce, il cioccolattino alle nocciole, "brutti e buoni" e biscottini fatti con la farina di riso (adatti ai celiaci) .



Il caffè finale.

Informazioni utili e commenti

A chi ci abbia seguito fin qui, crediamo di avere fornito elementi sufficienti per formarsi una propria opinione autonoma.
A chi desideri leggere altre informazioni utili quali la mappa satellitare interattiva con i percorsi, i giorni di chiusura, l'indirizzo del sito web e della posta elettronica, e vedere le nostre consuete foto-ricordo assieme allo chef, al patron e al personale di sala, rivolgiamo l'invito ad una lettura integrale di questo stesso articolo sul nostro sito Convivium, con l'avvertenza che anche li, per procedere oltre il medesimo sbarramento, gli occorrerà registrarsi.
La registrazione in Convivium è semplice, veloce, sicura, gratuita e assolutamente rispettosa della vostra privacy.
Qui sul blog -luogo interattivo per definizione- lasciamo invece spazio a voi e ai vostri commenti.



Fai tu il Critico sul Blog!

I Post civili e propositivi sono graditi.
Raccomandiamo educazione: i commenti sono sottoposti a regole e vengono moderati, prendi visione della policy prima di postare.

PUBBLICA IL TUO POST:

Nessun commento: